Le opzioni terapeutiche per la vasculopatia periferica

In presenza di Ischemia Critica periferica è fondamentale per il paziente adottare uno stile di vita sano, smettere di fumare, avere un regime alimentare equilibrato e fare attività fisica.

Qualora ciò non dovesse bastare sarà il medico curante a definire il percorso terapeutico più idoneo in funzione del quadro clinico e delle caratteristiche specifiche del paziente.

Generalmente per misurare lo stadio di gravità dell’ischemia, si utilizza la classificazione di Fontaine:
Stadio I : Nessun segno clinico
– a livello distale temperatura della pelle più bassa
– ritardo nella crescita delle unghie
– adiaforesi (mancanza di sudorazione)
– assenza di dolore intenso
Stadio II :andamento claudicante a intermittenza
– dolore intenso intermittente
Stadio IIa: 
– la persona riesce a percorrere, camminando correttamente, fino ai 200 metri.
Stadio IIb:
– la persona assume un andamento claudicante prima dei 200 metri.
Stadio III :
– dolore ischemico a riposo
Stadio IV :
– ulcere ischemiche
– dolore intenso e costante
– ulcere di diametro inferiore ai 2,5 cm
– lesioni Gangrenose

Gli approcci convenzionali consistono nella terapia farmacologica (con la somministrazione di farmaci anticoagulanti e vasodilatori) e nella rivascolarizzazione mediante intervento chirurgico (angioplastica, trombolisi, bypass). Altre tecniche possibili sono la nerostimolazione e tecniche neurodistruttive (ad esempio la simpaticectomia) .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 15 03 2011

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy