Questa storia racconta l'esperienza di una persona che ha ricevuto la terapia ITB di Medtronic per il trattamento della spasticità grave. Medtronic, Inc. ha invitato questa persona a condividere il suo caso. Si rammenta che le esperienze riportate sono specifiche del singolo paziente. I risultati possono variare, così come le reazioni.

La storia di Julie

Vivere con la spasticità

Julie, multiple sclerosis patient

Julie, affetta da sclerosi multipla

Julie lavorava a tempo pieno come assistente presso uno studio medico, quando comparvero i primi sintomi di sclerosi multipla nel 1987. "Pensai che il problema fosse solo la stanchezza", ricorda Julie. In breve, iniziò a perdere la sensibilità all'altezza della vita e a sperimentare spasticità a gambe e mani, oltre a una generale sensazione di spossatezza.

Negli anni a seguire, la spasticità di Julie peggiorò. "A volte, mentre ero seduta, le gambe si irrigidivano improvvisamente e si distendevano in avanti. Non riuscivo a piegarle nemmeno all'altezza delle ginocchia. Era spaventoso".

Poiché la spasticità continuava ad aumentare, Julie ridusse l'orario di lavoro a soli 2 giorni a settimana e iniziò a usare una sedia a rotelle. Nonostante i medici le avessero consigliato di farsi ricoverare in una casa di cura, suo marito decise di occuparsi di lei.

Primi trattamenti

Julie si sottopose a diversi trattamenti per cercare di curare la spasticità grave. In alcuni casi, la fisioterapia e le iniezioni intramuscolari funzionavano, ma in breve tempo i muscoli tornavano a irrigidirsi. I farmaci orali si dimostrarono efficaci, ma le dosi elevate provocavano effetti collaterali debilitanti. Il medico di Julie suggerì la terapia ITB.

Come la terapia ITB ha aiutato Julie

La terapia ITB allevia la spasticità grave mediante l'utilizzo di una pompa programmabile posizionata nell'addome, appena sottopelle. La pompa è collegata a un catetere sottile e flessibile che eroga il farmaco antispastico direttamente nello spazio intratecale, l'area dove il liquido cerebrospinale scorre attorno al midollo.

Julie si sottopose a un test di screening per capire se la terapia ITB avrebbe alleviato i sintomi. "Le mie gambe erano davvero rigide quel giorno", rammenta. "Ma un'ora dopo l'iniezione, cominciarono a sciogliersi. Un paio di ore più tardi, il medico era in grado di piegarle più di quanto non si fossero mai piegate negli anni".

Rischi della procedura

Il giorno successivo al test di screening, Julie subì un intervento per l'impianto della pompa, con esito positivo. Ciononostante, accusò forti mal di testa, un effetto collaterale che si verifica talvolta durante la procedura, a causa della perdita di liquido cerebrospinale.

Julie non sperimentò altre complicanze dovute all'intervento chirurgico. Tuttavia, alcuni soggetti possono sperimentare ulteriori complicanze chirurgiche, effetti collaterali associati al farmaco, o entrambi. Come qualsiasi altra procedura chirurgica, anche la terapia ITB presenta dei rischi. Tra questi rientrano meningite, perdita di liquido cerebrospinale, infezione, paralisi, gonfiore, sanguinamento ed ecchimosi. Gli effetti collaterali associati al farmaco includono flaccidità muscolare, sonnolenza, nausea/vomito, mal di testa e vertigini.

"Che differenza!"

"Dopo l'intervento, la mia spasticità grave è migliorata notevolmente", afferma Julie. "Che differenza! Posso fare cose che non ho mai potuto fare nel corso degli anni". Julie ha aumentato l'orario lavorativo a 4 giorni la settimana, ha iniziato ad andare in campeggio con la famiglia, a frequentare corsi di acqua fitness e di equitazione.

Julie si reca periodicamente dal medico, che tiene traccia dei progressi della sua sclerosi multipla. "Non avrei mai immaginato di poter camminare senza il supporto di un bastone o di riprendere a lavorare quasi a tempo pieno", ammette Julie. "Mi ritengo molto fortunata".

Nonostante lavori ancora 4 giorni a settimana, di recente Julie ha dovuto passare a un lavoro di ufficio. “Lavoro presso un dermatologo come segretaria e svolgo anche diverse altre mansioni. Gli episodi di esacerbazione della sclerosi multipla sono significativamente diminuiti dall'inizio della terapia ITB. Cammino senza bastone anche dopo aver subito un intervento di chirurgia maggiore al dorso nell'aprile 2008, durante il quale mi sono state impiantate delle barre di Harrington da C3 a L3”.

Questa testimonianza riflette un'esperienza personale. Non tutte le persone potrebbero ottenere lo stesso risultato clinico. Ti consigliamo di confrontarti con il tuo specialista di riferimento per considerare tutte le opzioni terapeutiche.

Ultimo aggiornamento: 25 10 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy