Domande e risposte – Impianto di un neurostimolatore

Il neurostimolatore è visibile agli altri?

Il medico cercherà di posizionare il neurostimolatore in un punto accettabile sotto il profilo estetico e confortevole per il paziente quando si siede, si alza, ecc. Tuttavia, in base alla corporatura del paziente, il neurostimolatore potrebbe essere visibile come una leggera protuberanza sottopelle.

Cosa si prova durante la stimolazione?

La maggior parte dei soggetti riferisce di non accorgersi della stimolazione. Si consiglia di contattare il medico se si avverte una stimolazione scomoda o pulsante di lunga durata, o entrambe nell'area addominale.

La stimolazione elettrica gastrica limita le normali attività quotidiane?

In genere, no. Tuttavia, in base al punto di impianto del neurostimolatore, il dispositivo potrebbe impedire piegamenti accentuati del corpo. Si consiglia di discutere con il proprio medico delle attività fisiche svolte e di come possono influenzare il neurostimolatore.

Il forno a microonde o il telefono cellulare/cordless possono interferire con il neurostimolatore?

No, ma si consiglia di mantenere almeno 10 cm di distanza tra il telefono cellulare/cordless e il neurostimolatore.

Possono esserci dei problemi quando si passa attraverso dispositivi di screening per la sicurezza o sistemi anti-taccheggio?

In presenza di dispositivi di screening e sistemi anti-taccheggio per la sicurezza di aeroporti, punti vendita, biblioteche e altri edifici pubblici, si consiglia, qualora possibile, di bypassare tali dispositivi, in quanto potrebbero interferire con la funzione del neurostimolatore o segnalare la presenza dell'involucro di metallo.

È bene portare sempre con sé il certificato di registrazione del dispositivo Medtronic e mostrarlo al personale di sicurezza per chiarire la situazione. Se il personale utilizza un metal detector portatile, invitare l'addetto a passare lo strumento sul neurostimolatore il più velocemente possibile.

Indicare il posizionamento del neurostimolatore in modo tale che l'ispezione possa avvenire velocemente. Se è necessario passare attraverso il dispositivo di screening di sicurezza o il sistema anti-taccheggio, assumere le seguenti precauzioni:

  • se la porta metal detector ha due lati, camminare al centro della porta mantenendosi il più distante possibile da ciascun lato
  • se il dispositivo di sicurezza è dotato di un solo lato, camminare il più lontano possibile da esso
  • non appoggiarsi e non sostare nei pressi di sistemi anti-taccheggio o di dispositivi di screening di sicurezza

Con che frequenza il medico deve controllare il neurostimolatore?

Un classico programma di follow-up prevede visite ambulatoriali a 1 settimana dall'intervento chirurgico, a 1, 3 e 6 mesi dopo l'intervento e successivamente ogni 6-12 mesi. Tuttavia, in base alla condizione del soggetto, il medico potrebbe voler visitare il paziente con maggiore o minore frequenza.

Come viene sostituito il neurostimolatore?

Quando la batteria del neurostimolatore si esaurisce, il medico otterrà una preventiva autorizzazione della compagnia assicurativa del paziente e l'approvazione a intervenire chirurgicamente per la sostituzione del dispositivo. Successivamente programmerà l'intervento chirurgico del paziente, durante il quale rimuoverà il neurostimolatore per impiantarne uno nuovo.

Durante l'operazione, il medico controllerà anche gli elettrocateteri per essere sicuro che funzionino correttamente. In caso affermativo, il nuovo stimolatore verrà connesso agli elettrocateteri già presenti in situ. Se gli elettrocateteri non dovessero funzionare correttamente, andranno sostituiti.

Chi si deve contattare in caso di problemi?

La prima persona da contattare è sempre il proprio medico curante.

Quando è necessario contattare il medico?

Si consiglia al paziente di contattare il medico nel caso in cui:

  • avverta dolore, rossore o gonfiore in corrispondenza dell'incisione oltre 6 settimane dopo l'intervento.
  • avverta un nuovo o insolito tipo di dolore addominale, abbia crampi, nausea o vomito in qualsiasi momento dopo l'intervento
  • noti un aumento di nausea o vomito Il neurostimolatore potrebbe semplicemente richiedere una diversa impostazione della terapia oppure potrebbero esserci dei problemi con gli elettrocateteri e il neurostimolatore. Il medico dovrebbe essere in grado di stabilire la causa del problema e risolverlo.

 

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 15 11 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy