Opzioni di trattamento per la neuropatia dolorosa

Per i milioni di individui che soffrono di dolore cronico, esistono diverse possibilità di gestire il dolore. Spesso, i medici tentano dapprima con la terapia farmacologica. Tra le altre opzioni rientrano la fisio- o la psicoterapia, la chirurgia, i blocchi nervosi o i dispositivi medici come i neurostimolatori e i sistemi di infusione.

Si consiglia di rivolgersi al medico per trovare il trattamento più adatto alla propria neuropatia dolorosa. Non tutti i trattamenti, infatti, sono applicabili a ogni tipo di dolore. Tra i trattamenti rientrano:

Terapia farmacologica

Spesso, i medici tentano dapprima con la terapia farmacologica. Poiché ogni individuo risponde in maniera diversa ai farmaci, il medico potrebbe provare diverse dosi e sostanze. I farmaci vanno dagli antidolorifici da banco, come aspirina, acetaminofene e steroidi antinfiammatori, ad analgesici più forti.

Fisioterapia

La fisioterapia tenta di sviluppare o recuperare la funzione muscolare – consentendo al paziente di muoversi in modo più naturale e con meno dolore. Il medico potrebbe consigliare una fisioterapia passiva, come massaggi e trattamenti caldo/freddo, o una terapia attiva, compresi esercizi fisici.

Psicoterapia

Il dolore cronico può accompagnarsi a stress che influenza il soggetto, i suo rapporti interpersonali e il suo corpo. Gli psicologi sono a disposizione del paziente per lavorare sulle tecniche di rilassamento e sulle capacità di coping e automonitoraggio.

Chirurgia correttiva

Il medico potrebbe effettuare dei test, come scansioni RM o TC, per indagare la causa del dolore. Se il test evidenzia un problema che può essere corretto tramite chirurgia, il medico può consigliare questo tipo di trattamento.

Blocchi nervosi terapeutici

I blocchi nervosi terapeutici sono iniezioni locali di anestetico e/o steroide, somministrate nel sito di origine del dolore. I blocchi nervosi forniscono in genere un temporaneo sollievo dal dolore. Se il dolore persiste anche dopo diverse iniezioni, il medico può prendere in considerazione altri tipi di trattamento.

Dispositivi medici

I dispositivi medici, come i neurostimolatori o i microinfusori (sistemi a rilascio intratecale di farmaco), sono apparecchi impiantati chirurgicamente, il cui scopo è quello di modulare i segnali del dolore prima che raggiungano il cervello.

I dispositivi medici per il trattamento del dolore includono:

  • neurostimolatori – inviano impulsi elettrici di bassa intensità allo spazio epidurale, vicino al midollo spinale, mascherando la percezione dei messaggi di dolore al cervello e sostituendo il dolore con una sensazione di formicolio
  • sistemi di infusione – rilasciano il farmaco direttamente nel liquido cerebrospinale (nel cosiddetto spazio intratecale), utilizzando sola una minima quantità di farmaco rispetto a quella necessaria per via orale

Il medico può spegnere il dispositivo o rimuoverlo completamente se necessario. Inoltre, questo tipo di terapia può essere provata temporaneamente, in attesa di un impianto permanente.

Neuroablazione

Con la neuroablazione, i medici distruggono (in genere con il calore) i nervi che fungono da vie che portano al cervello. La neuroablazione rappresenta l'ultima risorsa, qualora gli altri trattamenti falliscano. L'esito della neuroablazione è irreversibile.

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 12 11 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy