Diabete

Il diabete è una malattia che impedisce all'organismo di produrre e di utilizzare l'insulina in modo appropriato. L'insulina è un ormone fondamentale per la conversione di zuccheri, amidi e altri principi alimentari nell'energia necessaria per svolgere le attività quotidiane.

Sebbene le cause precise del diabete non siano ancora note, fattori sia genetici sia ambientali e alcuni problemi legati allo stile di vita (come l'obesità e lo scarso esercizio fisico) rivestono un ruolo importante nel suo sviluppo.

Questa malattia può essere distinta in due forme principali, il diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Diabete di tipo 1

Poiché il diabete di tipo 1 è spesso diagnosticato nei bambini e negli adolescenti, in passato era denominato anche “diabete giovanile”. Tuttavia, questa forma di diabete può manifestarsi in soggetti di ogni età. Le cause non sono ancora note, ma si ritiene sia strettamente correlata anche a fattori ambientali, quali ad esempio i virus. D'altro canto, il diabete di tipo 1, non risulta essere legato allo stile di vita o all'obesità.

Si tratta di una malattia riscontrata maggiormente nei bambini e nei giovani adulti.

Sintomi

I sintomi del diabete di tipo 1 possono essere di diverso tipo e includono, tra gli altri, sete aumentata, minzione frequente, perdita di peso, fame eccessiva, vomito, dolore addominale e affaticamento. Le donne affette da diabete di tipo 1 possono anche andare incontro all'interruzione del ciclo mestruale.

Cause

Nel diabete di tipo 1, il pancreas non riesce a produrre una quantità sufficiente di insulina, l'ormone che permette alle cellule di trasformare lo zucchero trasportato nel sangue (glucosio) in energia. Questa condizione è il risultato di un processo autoimmune. Attualmente non si conosce alcun metodo per prevenire il diabete di tipo 1, né la ragione per cui alcuni soggetti ne siano affetti e altri no. A differenza del diabete di tipo 2, non è stata dimostrata alcuna associazione tra il diabete di tipo 1 e il peso corporeo, i livelli di colesterolo o l'ipertensione.

Fattori di rischio

Un'anamnesi familiare positiva per il diabete di tipo 1 e alcune infezioni virali possono aumentare i rischi.

Diagnosi

Per molti, la prima diagnosi di diabete di tipo 1 viene formulata in seguito al ricovero per sintomi causati da livelli glicemici eccessivamente elevati (iperglicemia) o eccessivamente bassi (ipoglicemia). Il paziente è quindi sottoposto a una serie di esami per verificare la presenza di chetoacidosi, una condizione che può portare al coma o alla morte. Grazie alle analisi del sangue è possibile determinare i livelli glicemici e la quantità di insulina prodotta dall'organismo.

Diabete di tipo 2

Secondo quanto stimato circa due milioni di italiani sono attualmente affetti da diabete di tipo 2, che si attesta dunque come la forma più diffusa della malattia. Sebbene in passato fosse denominato “diabete dell'adulto”, anche i bambini e gli adolescenti possono sviluppare questa forma di diabete.

Sintomi

Inizialmente, molti sintomi del diabete di tipo 2 possono sembrare innocui. Il soggetto, infatti, può esserne affetto da diversi anni a sua insaputa. Tra i sintomi dell'iperglicemia si riscontrano sete aumentata, minzione frequente, fame eccessiva, affaticamento e visione offuscata.

Se i valori glicemici rimangono elevati a lungo possono insorgere ulteriori problemi, come infezioni frequenti a lenta guarigione o intorpidimento e formicolio alle mani e ai piedi. Gli uomini affetti da diabete di tipo 2 possono manifestare disfunzioni erettili. L'individuazione precoce del diabete aumenta le possibilità di condurre una vita sana e di contenere i sintomi.

Cause

I soggetti con diabete di tipo 2 non sono in grado di produrre una quantità sufficiente di insulina oppure le loro cellule non rispondono in modo adeguato all'insulina prodotta (insulino-resistenza). Le cause non sono ancora del tutto note. Si ritiene che esista un'associazione tra il diabete di tipo 2 e l'obesità, livelli elevati di colesterolo e l'ipertensione. Tuttavia, molte persone che presentano queste condizioni non soffrono di diabete di tipo 2, mentre alcuni soggetti affetti hanno un peso corporeo, una pressione sanguigna e livelli di colesterolo normali.

Fattori di rischio

Diversi fattori possono accrescere il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Tra questi si riscontrano un'anamnesi familiare positiva, l'etnia, il peso, l'inattività, l'età, il prediabete (condizione in cui i livelli glicemici sono più elevati rispetto alla norma) e il diabete gestazionale (diabete che si manifesta soltanto durante la gravidanza).

Diagnosi

Per confermare o escludere una condizione di diabete i medici utilizzano le analisi del sangue. Di norma, il medico chiede al paziente di restare a digiuno prima del prelievo. Il campione viene poi inviato al laboratorio per la misurazione dei livelli di glucosio (zucchero). Alcuni medici realizzano questa analisi in ambulatorio utilizzando un glucometro.

Bibliografia

  1. www.jdrf.org.au Cos'è il diabete? Scheda (in inglese)

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 17 01 2011

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy