Danno cerebrale

Senza alcun dubbio, un danno cerebrale può cambiare la vita di una persona in un istante, influenzandone il modo di pensare, sentire, comportarsi, muoversi e ricordare. In alcuni casi, le tecnologie innovative di Medtronic possono agevolare la gestione della rigidità muscolare o della spasticità che possono derivare da un danno cerebrale. 

Definizione di danno cerebrale acquisito

Un danno cerebrale acquisito è un tipo di lesione cerebrale non classificabile come ereditaria, congenita, degenerativa o causata da un trauma alla nascita.1

Il danno cerebrale acquisito determina in genere un cambiamento nell'attività dei neuroni, che influenza una o più aree del cervello, incluse quelle deputate alla cognizione, alla comunicazione e al linguaggio, alla memoria, all'attenzione e alla concentrazione, al ragionamento, al pensiero astratto, alle funzioni fisiche, al comportamento psicosociale e all'elaborazione delle informazioni.2

Un esempio di danno cerebrale acquisito è il trauma cranico.

Definizione di trauma cranico

Un trauma cranico è definito come un colpo o una ferita penetrante alla testa in grado di alterare la funzione cerebrale.

Il trauma cranico va da lesioni di grado moderato (breve alterazione dello stato mentale o dello stato di coscienza) a lesioni gravi (periodo prolungato di incoscienza o amnesia dopo il trauma). Il danno cerebrale può esitare in problemi alla funzionalità motoria a breve e lungo termine.3

Definizione di danno cerebrale acquisito

Tra le cause di danno cerebrale acquisito rientrano, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:2

  • ostruzione delle vie aeree
  • quasi annegamento, edema faringeo, soffocamento, strangolamento, lesioni da schiacciamento al torace
  • shock elettrico o scarica elettrica
  • trauma alla testa e/o al collo
  • trauma cranico con o senza frattura del cranio, perdita di sangue da ferite aperte, compressione arteriosa a causa di un forte impatto, shock
  • danno vascolare
  • attacco cardiaco, ictus, malformazione arterovenosa (MAV), aneurisma, chirurgia intracranica
  • malattia infettiva, tumori intracranici, disturbi del metabolismo
  • meningite, certe malattie veneree, AIDS, patologie veicolate da insetti, tumori cerebrali, ipo-/iperglicemia, encefalopatia epatica, encefalopatia uremica, epilessie
  • esposizione a sostanze tossiche
  • uso di sostanze illegali, abuso di alcol, piombo, avvelenamento da monossido di carbonio, sostanze chimiche tossiche, chemioterapia (in rari casi)

Cause di trauma cranico

Le principali cause di danno cerebrale sono:

  • cadute3,4
  • incidenti stradali3,4
  • essere colpito o colpire un oggetto pesante3,4
  • aggressioni o atti di violenza3,4
  • scoppi o esplosioni5

Fattori di rischio per danno cerebrale

Ogni anno negli Stati Uniti, 80.000-90.000 persone subiscono un trauma cranico.6

I gruppi con i fattori di rischio più elevati per il trauma cranico comprendono:

  • uomini (probabilità pari a 1,5 volte quella delle donne di subire un danno cerebrale)4
  • bambini o adolescenti (in particolare i bambini fino a 4 anni e gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni)4
  • personale militare (ad esempio, i paracadutisti)7
  • afro-americani (che presentano il tasso di mortalità per danno cerebrale più elevato)4

Sintomi

I sintomi di trauma cranico includono:

  • deficit cognitivo (capacità di pensiero, in particolare la memoria)2
  • periodi di tempo prolungati trascorsi in stato vegetativo2
  • gravi problemi comportamentali (psicosi, depressione, irrequietezza, aggressività, ostilità)2
  • disturbi dei movimenti muscolari2
  • spasticità

Diagnosi

Una volta che l'individuo è stato stabilizzato, la diagnosi può essere posta applicando una serie di test:8

  • esame obiettivo
  • esame cognitivo – possibilmente utilizzando la scala Glasgow Coma Scale (GCS)
  • esame neurologico dettagliato
  • anamnesi medica dettagliata – per evidenziare altre condizioni
  • raggi X di cranio e collo – questi test determinano l'estensione di eventuali fratture craniche o del collo
  • scansione TC o TAC – queste metodiche esaminano le immagini del cervello per individuare segni di emorragia, raccolte liquide o tumori
  • EEG – un elettroencefalogramma (EEG) è un grafico degli impulsi cerebrali
  • angiografia cerebrale – questo test esamina i vasi sanguigni del cervello
  • RM – la risonanza magnetica (RM) sfrutta i campi magnetici per produrre un'immagine tridimensionale del cervello, facilitando la diagnosi di lesioni cerebrali minori

Spasticità dovuta a danno cerebrale

La spasticità è causata da un danno o da una lesione alla parte del sistema nervoso centrale (cervello o midollo spinale) che controlla i movimenti volontari. Tale danno altera la conduzione dei segnali tra il sistema nervoso e i muscoli, creando uno squilibrio che aumenta l'attività o gli spasmi muscolari. 

La spasticità può rendere difficoltosi i movimenti, la postura e l'equilibrio; può influire sulla propria capacità di muovere uno o più arti o una parte del corpo. Talvolta la gravità della spasticità è tale da compromettere le attività quotidiane, la qualità del sonno e la cura personale. In certe situazioni, la perdita di controllo può essere pericolosa per l'individuo.

Bibliografia

  1. Brain Injury Association of America. Cause di danno cerebrale acquisito (in inglese). Disponibile all'indirizzo: http://www.biausa.org. Ultimo accesso: 23 luglio 2008.
  2. Brain Injury Association of America. Tipi di danno cerebrale (in inglese). Disponibile all'indirizzo: http://www.biausa.org. Ultimo accesso: 7 aprile 2008.
  3. Brain Injury Association of America. Fatti relativi al trauma cranico (in inglese). Disponibile all'indirizzo: http://www.biausa.org. Ultimo accesso: 7 aprile 2008.
  4. Langlois JA, Rutland-Brown W, Thomas KE. Traumatic brain injury in the United States: emergency department visits, hospitalizations, and deaths. Atlanta (GA): Centers for Disease Control and Prevention, National Center for Injury Prevention and Control; 2006.
  5. Defense and Veterans Brain Injury Center (DVBIC). Non pubblicato. Washington (DC): U.S. Department of Defense; 2005.
  6. Thurman DJ, Alverson C, Dunn KA, Guerrero J, Sniezek JE. Traumatic brain injury in the United States: A Public Health Perspective. J Head Trauma Rehabil. 1999 Dec;14(6):602-15.
  7. Ivins BJ, Schwab K, Warden D, Harvey S, Hoilien M, Powell J, et al. Traumatic brain injury in U.S. army paratroopers: prevalence and character. Journal of Trauma Injury, Infection and Critical Care 2003;55(4):617-21.
  8. Neurology Channel. Diagnosi di trauma cranico (in inglese). Disponibile all'indirizzo: http://www.neurologychannel.com. Ultimo accesso: 23 luglio 2008.

 

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 25 10 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1
Italy