Chirurgia: cosa aspettarsi - By-pass a cuore battente

L'intervento di by-pass aorto-coronarico a cuore battente viene utilizzato per trattare ogni anno decine di migliaia di individui in tutto il mondo.

Durante l'intervento, il cuore continua a pulsare e, pertanto, il paziente non necessita di essere collegato a una macchina cuore-polmone. La parte del cuore su cui opera il chirurgo viene mantenuta immobile mediante uno stabilizzatore tissutale.

Prima dell'intervento

Oggi, i candidati a un intervento di chirurgia a cuore battente possono espletare la maggior parte delle fasi preparatorie in ambito ambulatoriale.

I passaggi preliminari all'intervento includono l'esecuzione di radiografie del torace, esami ematici, un elettrocardiogramma (ECG) e un'angiografia coronarica. L'ECG consente di individuare e localizzare l'origine del problema cardiaco. L'angiografia è un tipo di radiografia che utilizza un liquido di contrasto per rendere visibili le arterie che portano il sangue al cuore. Tali esami consentono al chirurgo di tracciare un quadro dello stato di salute generale del paziente e di localizzare le ostruzioni.

L'intervento sarà inoltre preceduto da un colloquio con il chirurgo, il personale infermieristico e gli altri membri del team medico, che saranno disponibili a fornire informazioni e ragguagli sulla procedura. Il paziente avrà a disposizione tutto il tempo necessario per avanzare i propri dubbi e ricevere gli opportuni chiarimenti.

Durante l'intervento

L'intervento di by-pass off-pump dura in genere dalle 3 alle 6 ore1, a seconda del numero di arterie coinvolte. Il paziente sarà posto sotto anestesia totale e collegato a un respiratore. Durante l'intervento il cuore continuerà a battere.

Per prima cosa, il chirurgo praticherà un'incisione sul petto, sezionando lo sterno per accedere al cuore. Quindi si procurerà una sezione di una vena o di un'arteria da un altro tratto del sistema cardiocircolatorio per creare l'innesto. Le procedure minimamente invasive prevedono invece una piccola incisione intercostale.

Il chirurgo collega un'estremità dell'innesto a monte dell'ostruzione e l'altra a valle della stessa. Per suturare l'innesto mentre il cuore batte, il chirurgo impiega un dispositivo di stabilizzazione che consente di mantenere immobile una piccola porzione del cuore. In genere viene utilizzato anche un posizionatore cardiaco. Una volta eseguite le necessarie suture, l'incisione sul torace viene richiusa.

Dopo l'intervento

Le procedure possono variare da ospedale a ospedale, ma generalmente, dopo l'intervento, il paziente sarà posto sotto attento monitoraggio in unità di terapia intensiva. Quando il paziente avrà ripreso coscienza e le sue condizioni si saranno stabilizzate, verrà trasferito in un altro reparto dove rimarrà in degenza fino alla dimissione. I pazienti sottoposti a CABG a cuore battente e a CABG con procedura mininvasiva in genere presentano tempi di degenza in unità di terapia intensiva ridotti rispetto a quelli sottoposti a CABG tradizionale.2,3

Il personale infermieristico, il medico e lo staff di riabilitazione cardiaca assisteranno il paziente e i suoi familiari per fornire tutte le risposte necessarie, incluse istruzioni sulla medicazione dell'incisione, sulla dieta, sulla terapia farmacologica, sull'attività fisica ecc.

Sarà il team medico a stabilire se il paziente può essere dimesso. Sia gli interventi di CABG a cuore battente sia quelli eseguiti con procedure mininvasive sono potenzialmente associati a tempi di degenza ospedaliera inferiori rispetto al by-pass tradizionale2. Una volta dimesso, il paziente sarà istruito su cosa deve aspettarsi durante il periodo di recupero.

Bibliografia

  1. Heart Center, The North American Heart Risk Study. Disponibile all'indirizzo: www.qualityoflife.org
  2. Puskas J Cheng D, Knight J, Angelini G, DeCannier A, Dullum M, Martin J, Ochi M, Patel N, Sim E, Trehan N, Zamvar V. Off-pump versus conventional coronary artery bypass grafting; a meta-analysis and consensus statement from the 2005 ISMICS Consensus Conference. Innovations. 2005; 1;3-27.
  3. Subramanian VA, Patel NU, Patel NC, Loulmet DF. Robotic assisted multivessel MidCAB with port-access stabilization and cardiac positioning: paving way for outpatient in CABG? Abstract submitted at the Society of Thoracic Surgeons meeting. San Antonio, TX, 25-28 gennaio 2004.

L'informazione contenuta in questo sito web non deve sostituire eventuali e possibili visite e colloqui con medici e specialisti di riferimento. Confrontati sempre con i tuoi riferimenti medici per la miglior diagnosi e terapia disponibile per la tua condizione clinica individuale.

Ultimo aggiornamento: 15 12 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Contatti

Medtronic Italia S.p.A.
Medtronic
Via Varesina 162
20156 Milano
Italia
work Tel. +39 02 24137.1
work Fax +39 02 24138.1

Per maggiori info

Italy