Chirurgia per la tiroide

Molte disfunzioni tiroidee sono da trattare per via chirurgica. La chirurgia tiroidea è uno dei tipi di operazione più comuni in Europa.

Esistono vari tipi di operazioni chirurgiche. In genere la chirurgia tiroidea si esegue mediante un’incisione di 2-8 cm sulla cute della porzione inferiore del collo. L’operazione ha luogo sotto anestesia generale e il chirurgo asporta la tiroide in modo parziale o completo. Per renderla meno visibile, l’incisione è praticata in modo che si trovi su una piega della cute del collo.
Per certe disfunzioni della tiroide attualmente esistono alternative alla chirurgia tradizionale. Grazie alla chirurgia mininvasiva, il chirurgo esegue l’operazione attraverso una o due minuscole incisioni. A differenza del metodo tradizionale descritto sopra, l’impostazione mininvasiva lascia solo una piccola cicatrice.

La chirurgia endoscopica prevede l’impiego di una microcamera inserita nel collo o sotto il braccio. L’incisione è di solo 1,5-3 cm di lunghezza. Nella zona del collo può essere pompata anidride carbonica per facilitare la visione e l’operazione sulla ghiandola. Quindi si pratica una seconda incisione e vi si inserisce un tubo sottile con l’estremità a forma di bisturi, il quale ha la funzione di asportare la tiroide.

La chirurgia robotica endoscopica è l’evoluzione più recente della chirurgia tiroidea. L’impiego dei robot fornisce al chirurgo un’immagine ingrandita tridimensionale dell’area su cui opera. Consente anche di eseguire movimenti estremamente precisi, grazie alla trasformazione degli ampi movimenti delle mani del chirurgo in movimenti millimetrici eseguiti dagli strumenti chirurgici del sistema robotico.

A prescindere dal metodo chirurgico applicato, l’irrorazione sanguigna della ghiandola viene interrotta. Il chirurgo quindi separa la trachea dalla tiroide ed asporta la tiroide in modo parziale o completo.

Durante l’operazione, il chirurgo provvederà a individuare ed evitare di danneggiare i nervi della laringe o le corde vocali che si trovano giusto dietro la tiroide. Lesionarli può compromettere gravemente la capacità di parlare, deglutire o respirare. Il sistema di monitoraggio di Medtronic di può aiutare il chirurgo a individuare questi nervi, monitorarli e confermare che non siano stati lesionati durante l’operazione.
 

Ultimo aggiornamento: 18 11 2010

Section Navigation

Approfondimenti

Italy